IT
Guida alle impostazioni della nuova versione Betpractice

Guida alle impostazioni della nuova versione Betpractice

2019-11-18
La nuova versione Betpractice sta proseguendo il periodo di beta testing, per perfezionare gli ultimi dettagli e limare gli aspetti residuali, prima del lancio definitivo che avverrà nelle prossime settimane. Il software risulta essere migliorato in ogni sua parte e verranno aggiunte diverse altre funzionalità che arricchiranno Studio Pro di nuovi tool fondamentali per il trading e l’operatività (prematch e live) nel betting. In questo post, andiamo ad approfondire le impostazioni attualmente presenti nel software, per capire quali sono le singole opzioni e dunque settare al meglio il tutto. È importante premettere che non esiste una configurazione unica ideale, ma piuttosto ogni singolo utente potrà scegliere come personalizzare al meglio il prodotto sulla base delle proprie preferenze e dello stile di betting caratteristico. 


Impostazioni del profilo 


La nuova versione di Betpractice, prevede una sezione impostazioni maggiormente articolata rispetto alla versione attuale. Ciò è inevitabile, visto che gli strumenti a disposizione sono ora ancora più ricchi di opzioni e caratteristiche personalizzabili. Ci sono due macro aree: la prima è relativa alle impostazioni individuali di profilo, mentre la seconda è di carattere generale. 

Cominciamo spulciando la prima area, dove sarà immediatamente possibile notare come sia possibile creare più profili, rinominarli e scegliere quale utilizzare di default. Questa scelta risulta essere particolarmente importante per coloro che adottano diverse strategie e dunque hanno la necessità di tarare il software in funzione di ogni singolo piano. Ad esempio, si potrà decidere di creare un profilo per personalizzare il software soltanto per i campionati principali europei ed un altro di carattere generale per tutti i tipi di competizione. Oppure, sarà possibile andare a focalizzare l’attenzione sui singoli mercati, decidendo di personalizzare il software in funzione del mercato Esito finale (1 X 2) o di quelli relativi ai goal (Under / Over, BTTS both team to score, etc). 

Successivamente, sarà possibile notare l’area relativa alla generazione delle Real Odds. Consigliamo caldamente la visione della lezione 2 presente nella nostra Academy per entrare nel dettaglio dei calcolo per la generazione delle Real Odds, visto che solo la conoscenza di questo aspetto può contribuire in maniera rilevante ad aumentare la consapevolezza delle nostre scelte. All’interno di ogni singolo profilo, sarà possibile creare altri sotto profili, relativi proprio a questo aspetto della generazione della Real Odds. In altre parole, è possibile scegliere molteplici configurazioni da utilizzare di volta in volta. Ad esempio, sarà possibile scegliere di avere le Real Odds sulla base della stagione in corso e la scorsa. Oppure puntare su una configurazione più “larga”, che preveda la presenza della stagione attuale più le ultime 3 stagioni. Come già sottolineato in precedenza, non esiste una configurazione ottimale, ma ogni utente potrà maturare le proprie convinzioni sulla base dell’utilizzo del prodotto e del proprio stile di betting. L’importante è non perdere di vista l’aspetto relativo all’ampiezza del campione dati. Se si decide di puntare, ad esempio, su una configurazione che preveda la presenza della stagione in corso più quella scorsa, e magari siamo a settembre, alla quarta / quinta / sesta giornata di campionato dei principali campionati europei, probabilmente sarà molto facile ritrovarci con un campione dati poco esteso. Dunque, il consiglio è quello di scegliere almeno 2 - 3 stagioni (compresa l’attuale), in modo tale da risolvere immediatamente il “problema” dell’ampiezza del campione. 

Successivamente sarà possibile focalizzare l’attenzione sulla personalizzazione delle competizioni, notevolmente aumentate rispetto al passato. Se non volete visionare solo specifici campionati, ma cercare occasioni un po’ ovunque nel mondo, vi basterà non selezionare nulla, lasciando dunque vuoto il campo. 

Discorso diverso, invece, per le quote, dove è fortemente consigliato inserire i propri mercati preferiti, visto che ciò vi faciliterà notevolmente la consultazione delle varie aree. Generalmente, il mercato Esito Finale (1 X 2) e Under/Over 2.5 sono tra le scelte più gettonate dei nostri utenti e rappresentano anche mercati particolarmente ricchi in termini di liquidità e volumi di gioco. 

Infine, i bookmakers. Rispetto al passato è aumentato il numero di operatori presenti e questo rappresenta una novità particolarmente apprezzata dalla nostra utenza. Ad oggi, sono presenti sulla piattaforma i seguenti bookies:
  • Betfair.com
  • Bet 365
  • William Hill
  • Bwin
  • 1XBet
  • Pinnacle

Dunque, i principali gruppi di gioco relativi al betting internazionale, sono presenti ed è possibile seguire le varie evoluzioni di quota e avere ben presente le varie massime sui mercati. Se siete italiani, ed operate sia su Sportsbook che Exchange, potete tranquillamente selezionarli tutti, in modo tale da avere una panoramica di mercato piuttosto precisa. 


Impostazioni generali


General Settings Betpractice
Andiamo ora a vedere cosa è possibile trovare in questa area. Innanzitutto, per facilitare la consultazione dei dati e l’adattamento alle varie tipologie di schermo, è possibile gestire la grandezza del font, semplicemente scegliendo la “taglia” preferita, tra XS, S, M, L, XL. Generalmente le più utilizzate sono XL e L, ma il consiglio è quello di effettuare diverse prove, visto che i caratteri si adatteranno velocemente alle impostazioni scelte dall’utente. 

In Odds Display, sarà possibile selezionare le tipologie di quote preferite. Anche qui, l’Academy ci viene in aiuto, con la Lezione 1 che va ad approfondire proprio questo aspetto. Sarà possibile scegliere tra:
  • Quote decimali (tipo 1.85)
  • Quote frazionali (come 17/20)
  • Quote percentuali (indicano le probabilità come 54%)
  • Quote americane (-118)

In Italia e in gran parte d’Europa, le quote più diffuse sono quelle decimali, per cui potete tranquillamente selezionarle. 

In un software particolarmente ricco di funzionalità, l’aspetto semantico risulta essere fondamentale. Attualmente le lingue supportate sono inglese, italiano, spagnolo, greco e portoghese. Betpractice è una famiglia internazionale, ed ha abbonati veramente da tantissimi paesi del mondo, per cui il nostro intento è quello di allargare il ventaglio di lingue disponibili, per cercare di accontentare il più alto numero di persone possibili. Resta comunque evidente, come determinati termini inglesi, siano uguali un po’ per tutti, come Under/Over. 

E ancora, la parte relativa a display bookmakers ci dà la possibilità di scegliere cosa visualizzare nelle varie sezioni. Volete selezionare un singolo bookmakers o affidarvi alla nuova opzione denominata “best” che scandaglia il mercato alla ricerca della migliore quota possibile? A voi la scelta, ma spesso proprio quest’ultima opzione risulta essere particolarmente gradita da chi non ha account personali presso questi colossi del betting, ma operanti in un contesto internazionale. 

Le ultime due opzioni, sono relative alla Location e il Fuso Orario. Se siete italiani, selezionate Italia e il Time Zone UTC +01.00 vigente ad Amsterdam, Roma, Berlino, Berna, Stoccolma e Vienna, in modo tale da visualizzare correttamente i vari orari, relativi agli inizi del match. 

Vi ricordiamo, infine, che per qualsiasi altra domanda relativa alla configurazione delle impostazioni è possibile contattare Betpractice Italia tramite Twitter, Facebook Messenger e supporto dalla dashboard. Inoltre, è possibile aderire alla nostra chat Telegram o alla community internazionale Discord

ACCEDI AI 7 GIORNI DI PROVA GRATUITA